CRUSCA DI RISO RICEBRAN

ricebran2RICEBRAN : l’integratore di fibra che migliora la motilità addominale con gusto.

Grazie alla sua esclusiva formulazione può essere impiegata nella quotidianità, dalla colazione alla cena, migliorando il sapore di ogni preparazione. Indicata per tutti i prodotti da forno, barrette energetiche e bevande proteiche, preparazione di dolci integrali.

Arricchisce il sapore di risotto e minestre.

SPECIFICHE TECNICHE

Prodotto: Crusca di riso raffinata e micronizzata.

Ingredienti: 100% Crusca di Riso

Certificazioni: gluten free

RICEBRAN

La crusca di riso rientra nelle fibre alimentari che si trovano in tutte le cellule vegetali commestibili resistenti agli enzimi digestivi umani. La fibra previene alcune forme tumorali a carico di retto e colon grazie alle sue proprietà igroscopiche (l’acqua trattenuta diluisce le sostanze tossiche presenti nel lume intestinale, inoltre l’aumento della velocità di transito diminuisce il tempo di contatto tra le tossine e la parete intestinale). Prevenzione e terapia dell’obesità: aumenta il senso di sazietà , interferisce con l’assorbimento di zuccheri e grassi (azione ipocolesterolizzante e ipotriglicerimizzante) e diminuisce la risposta insulinica. La crusca di riso essendo una fibra insolubile produce per fermentazione acido proprionico che riduce la sintesi epatica di colesterolo, interferisce con il riassorbimento degli acidi biliari con conseguente maggiore utilizzo di colesteCRUSCArolo (il colesterolo è il precursore degli acidi biliari) da parte del fegato. Inoltre stimola la crescita di specie batteriche ad azione probiotica favorendo l’equilibrio della microflora intestinale.

La fibra alimentare si divide i due grandi classi: la fibra solubile e la fibra insolubile.

LA FIBRA SOLUBILE, fermentabile derivata comunemente da cereali con glutine (frumento e avena), ha proprietà chelanti, ovvero tende a formare un composto gelatinoso all’interno del lume intestinale; questo gel che si viene a formare aumenta la viscosità del contenuto con conseguente rallentamento dello svuotamento intestinale. Tuttavia le sue proprietà chelanti fanno sì che essa interferisca con l’assorbimento di alcuni macronutrienti (glucidi e lipidi) riducendo i livelli di colesterolo nel sangue e diminuendo il rischio di malattie cardiovascolari.

LA FIBRA INSOLUBILE,come la crusca di riso non fermenta, non provoca gonfiore e flautolenza, assorbe rilevanti quantità acqua aumentando il volume delle feci, che si fanno abbondanti e più morbide. Questo permette di stimolare la velocità di transito nel lume intestinale, di conseguenza, diminuire l’assorbimento dei nutrienti facilitando il transito e l’assorbimento delle tossine. La fibra insolubile della crusca di riso è migliore perchè la fibra solubile ha più azione costipante che lassativa (a meno che non venga assunta insieme a grosse quantità di liquidi).

Differenza tra solubili e insolubili

Per quanto riguarda la diversificazione tra fibre solubili ed insolubili, si può generalizzare affermando che le fibre solubili contribuiscono a controllare glicemia e colesterolemia, mentre le fibre insolubili contribuiscono a regolare le funzioni intestinali favorendo la disintossicazione e la perdita di peso. Un adeguato apporto di fibra alimentare contribuisce a prevenire condizioni ai limiti con la patologia quali dislipidemie lievi, diverticolosi del colon, stitichezza, sovrappeso o altre situazioni, patologiche, come la malattia coronarica, l’aterosclerosi, il diabete, l’obesità e le altre malattie dismetaboliche, i tumori maligni del grosso intestino, la calcolosi della cistifellea. la fibra insolubile aumenta la velocità di transito, riducendo la concentrazione di sostanze potenzialmente citotossiche e citolesive e i tempi di contatto con la mucosa intestinale.

Consigliamo di consumare molti alimenti ricchi di fibre come i legumi, broccoli, carciofi, semi di mandorle, farine integrali, riso integrale ed in generale tutti gli alimenti di origine vegetale. La fibra solubile è presente sopratutto nella frutta e nei cereali con glutine, quella non solubile nel riso ed in alcuni tipi di ortaggi.

Razione giornaliera raccomandata: circa 20-35 g al giorno (con un rapporto 3/1 tra fibre insolubili e solubili in acqua); per il bambino 5 g al giorno più 1 g moltiplicato per l’età.

Attenzione è bene non esagerare con l’apporto di fibra alimentare, troppa fibra apporta infatti un eccesso di acido fitico, una sostanza che ostacola l’assorbimento di alcuni minerali tra cui il calcio, il selenio, il ferro e lo zinco. 

Qualche consiglio su come usarla

  • Spolverata con cereali caldi o freddi

  • Mescolata nello yogurt o nel gelato

  • Aggiunta al frullato di frutta

  • Aggiunta alle minestre di verdure

  • Aggiunta nell’impasto di dolci, pane e pasta.

Dal ricettarioartusi ecco i nostri consigli per utilizzarla:

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...