Risotto Carnaroli Gran Riserva al Luppolo Selvatico

Risotto-al-luppolo_Posate-Spaiate03

Conoscere le piante spontanee è un’arte ed anche saperle utilizzare in cucina! E’ quello che ha fatto la blogger Laura Campanelli, dal blog posate spaiate , venuta a visitare la nostra Cascina con una denominazione di food blogger della nostra regione lo scorso Aprile. Le abbiamo dato da provare il nostro Riso Carnaroli Gran Riserva, che ha valorizzato proprio con il luppolo selvatico, meglio conosciuto come asparagina, luvertin o bruscandolo.

 

Qualcosa in più sul luppolo selvatico:

Si raccoglie in primavera in zone adiacenti a fiumi e rovi. Sono i germogli del luppolo, rimedio digestivo e per il trattamento di dissenteria e varie affezioni intestinali. Ipocalorico, tonificante, diuretico e lassativo, ideale per la cellulite!

luppolo_Posate-Spaiate04

Ingredienti per fare il risotto al luppolo selvativo

  • Due pugni di riso a testa più uno per la pentola – Carnaroli Classico Gran Riserva Cascina Artusi
  • 1 scalogno
  • 1 mazzetto di luppolo selvatico
  • 20/30 gr circa di Parmigiano Reggiano
  • ½ litro di brodo di verdure
  • 2 cucchiai Olio Extra Vergine di Oliva + un po’ di burro per mantecare
  • Sale qb
Come fare il risotto al luppolo selvativo

Mondare il luppolo selvatico separando la parte più alta (circa dieci cm) dalla base che è un po’ più dura e può essere usata per fare il brodo.

Affettare finemente i rametti e le foglioline, tenendo da parte qualche fogliolina per decorare.

Fare un battuto fine di scalogno e far soffriggere in olio EVO dolcemente per un paio di minuti, poi aggiungere il luppolo e continuare a far stufare per 6/8 minuti. Versare il riso e farlo tostare poi cominciare ad aggiungere un po’ di brodo, continuare la cottura bagnando con il brodo e mescolando di tanto in tanto.

Il tempo di cottura del riso dipende dalla qualità, indicativamente di possono considerare 13-14 minuti per una cottura al dente.

Quando il riso è cotto ma ancora ben al dente, togliere dal fuoco e aggiungere il parmigiano grattugiato, far riposare un attimo e poi mescolare in modo che si amalgami bene e crei la giusta emulsione cremosa.

Impiattare, o “invasare” decorando con le foglioline di luppolo selvatico saltate in padella

Nel link che segue, potrete leggere non solo la ricetta originale della nostra amica food blogger, ma anche la storia di Cascina Artusi vista da Laura Campanelli. Una breve anticipazione:

Pensavo di conoscere il riso e invece sono bastate le prime parole di Emiliano a farmi capire che in realtà non ne sapevo un bel niente e che oltre ad aprire bene le orecchie avrei dovuto leggere e ancora leggere perché dentro un chicco di riso ci può essere un mondo di storie, tradizioni, lavoro  e sperimentazione. – Laura Campanelli – Posate Spaiate 

Il suo articolo : Il Riso, le sue storie e il risotto al luppolo selvatico

Anche questa ricetta è stata inserita nel #ricettarioartusi presente sul nostro sito seguendo questo link: Ricettario Artusi 

gran-riserva2

Per ricevere a casa il nostro Riso Carnaroli Gran Riserva o gli altri prodotti, puoi inviare una mail a ordiniartusi@gmail.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...